Breccia grezza (al riparo dell’alba)

Secondo Goethe, “il tedesco si serve opportunamente del termine Bildung, per indicare sia ciò che è già stato prodotto, sia ciò che sta producendosi”. Il suo appare profilarsi come un Bildungsroman, un “romanzo di formazione”, che guarda all’apparire della persona, alla sua origine, descrivendo, così, ‘dal di dentro’, osservate nel loro nascere, attraverso le emozioni, le passioni, i dolori e le continue scoperte, l’evolversi del protagonista verso la maturità e l’età adulta. Tuttavia, non c’è formazione senza trasformazione, senza auto-formazione. Ebbene, quale traccia segue il protagonista del suo romanzo?

Il protagonista di Breccia grezza (al riparo dall’alba) segue l’eco di una specifica dimensione, quella umana, intesa come presupposto inevitabile per l’esistenza di tutti.

Lei ha asserito che la texture del suo romanzo è volta a sondare un tema specifico: “la ricerca di una conferma per la nostra libertà”. Cosa intende per “conferma”?

È stata una provocazione. Sono stato ironico, contrariamente a Sartre che ne L’esistenzialismo è un umanismo dichiara serenamente la presenza di un existentia che precede l’essentia. Si delinea una concezione per la quale l’essentia non è anteriore all’existentia, ma l’individuo foggia liberamente il suo posto nella gerarchia degli esseri e, di conseguenza, in quella delle essenze. Dunque se ogni existentia dovesse presupporre sempre un’essentia, gli esseri umani non potrebbero che essere concepiti come un meccanismo biologico che agisce esclusivamente in virtù della sua natura. Si potrebbe impiegare contro Sartre la critica che Aristotele mosse verso Platone, ovvero che una causa deve essere sempre in contatto con il suo effetto.

Aldo Ferrabino ha scritto: «Ciò che non è di questo mondo, che non può diventare realtà nei transeunti istituti umani, vive d’una vita incorruttibile fuori dalle forme esterne del processo storico, per entro le forme interiori dello spirito immortale: e ha ivi nome di assoluto.” La metastoria è un suo scopo?

Il mio auspicio è che qualche lettore possa cogliere il significato, appunto, metastorico, o se si preferisce metafisico degli eventi narrati in Breccia grezza (al riparo dall’alba). Rispetto alla citazione di Aldo Ferrabino, ci tengo a precisare che il “campo metastorico” a cui faccio riferimento non è trascendente bensì immanente.

Il protagonista del suo romanzo appare eidetico nella misura in cui è capace di ricondurre alle loro pure essenze obiettive i fenomeni presenti nella coscienza. Il fine sentire può costituire un ostacolo nelle relazioni che tesse?

Questo è inevitabile. C’è una frattura tra la realtà che il protagonista vive e la sua riduzione a “pura essenza”. Da tale separazione viene fuori, quello che potrebbe, a buon diritto, essere definito, il paradosso della doppia ragione; la prima teoretica, volta alla ricerca di un fondamento sicuro per una vera conoscenza, la seconda pratica, che conduce al possesso di una genuina morale. La prima gli suggerisce la formula tanto cara agli scolastici operari sequitur esse, la seconda il segno dell’esistenza della vera libertà.

Bookabook, casa editrice attenta a valorizzare i giovani talenti, ha promosso una campagna di crowdfunding finalizzata a finanziare la pubblicazione del suo romanzo. Qual è lo status in cui versa l’editoria dal suo punto di vista esperienziale?

Nonostante il bisogno di raccontare e ascoltare storie per dare forma alla realtà, credo che il libro non riuscirà a competere con il cinema e le serie televisive ancora per molto. La lettura richiede tempo e concentrazione e molti preferiscono evitare il peso della riflessione.

Alessandro Ridosso ha pubblicato i racconti Un caffè amaro (2015), Il tritacarne (2017), Quella notte (2018), Le ombre dell’immanenza (2019) e il saggio La teoria della volontà razionale (2017). Breccia grezza è il suo primo romanzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...