Scie ad andamento lento

Teatro, musica, scrittura. Quanto coraggio occorre per saltare dal trampolino ed aprirsi ad una vita piena in cui far emergere con forza il proprio talento?

Serve sicuramente tanto coraggio, soprattutto in questo campo. Credo che scegliere una strada, avere una passione dentro che brucia, innamorarsi letteralmente di quello che si fa’ siano le basi per esprimere qualcosa di bello e coinvolgente, forse questo coraggio ci manca un po’, mi riferisco a questa mia generazione così dilaniata da tagli, precariato e insicurezze. In ogni caso bisogna stringere i denti e resistere, per essere portatori sani di Bellezza.

Quanto ha riversato nel suo “teatro-canzone” della sua eclettica vita professionale e spirituale?

Ho riversato tantissimo nel Teatro-canzone, soprattutto in chiave collettiva, ‘Nichilismi &Fashion-week’ ne è la prova emblematica. Se in narrativa tendo a essere più intimo e privato, in drammaturgia mi apro alla collettività, provando a scandagliare, porre dubbi e interrogativi, sulla società in cui ci troviamo. Anche per questo il discorso è quasi totalmente condotto in prima persona plurale, non c’è tanto l’io quanto un noi un po’ malandato che malgrado tutto prova ad analizzare e analizzarsi, non trovando quasi mai tuttavia risposte esaustive.

‘Scie ad andamento lento’ è un romanzo incastrato saldamente in un romanzo. Può motivare la scelta di questo espediente letterario?

Essendo il protagonista uno scrittore (Stefano De Sanctis), mi sembrava quasi naturale far vedere ai miei lettori quello che Stefano scrivesse, così da creare un legame fortissimo tra me e lui e per rimarcare le tante affinità e divergenze che abbiamo.

Registri stilistici completamente differenti contribuiscono a rendere il testo notevolmente accattivante per il lettore. Le diversità retoriche possono intendersi funzionali ad esemplificare l’espressione lirica della conflittualità interiore del protagonista?

Sicuramente lo ‘scarto stilistico’ che emerge chiarissimo tra la scrittura di Giacomo Casaula e quella di Stefano De Sanctis indica una fortissima conflittualità presente all’interno dell’animo del protagonista. Stefano è un personaggio mai sazio, sempre in qualche modo alla ricerca di qualcosa o qualcuno e il suo modo di scrivere, un flusso che non lascia spazio alle pause o ai segni di punteggiatura, lo contraddistingue pienamente e lo completa poi nella sua ardente e affannosa ricerca della lentezza, un ossimoro che non ha chiusura.

Gaber, Luporini, Bene. Quanto ha carpito dai geni del palcoscenico poc’anzi citati?

Tanto, tantissimo soprattutto da Gaber e Luporini, per la nascita meravigliosa del Teatro-canzone, per il loro continuo rinnovarsi rimanendo però sempre fedeli a se stessi. Carmelo Bene è un genio, e i geni possono solo essere osservati con rispetto.

Giacomo Casaula ha affiancato Annamaria Ackermann nello spettacolo Eduardo, da lei ideato e diretto, un medley di brani tratti dalla migliore produzione eduardiana, fornendo un’emozionale interpretazione di monologhi tratti da ‘Napoli milionaria’ e da ‘Questi fantasmi’.  Dal 2014 collabora con il Prof. Ettore Massarese, docente di Storia del Teatro presso la Facoltà di Lettere “Federico II”. Dal 2016 tiene il corso di Storia del Teatro per il laboratorio teatrale del teatro “Totò” di Napoli, mentre nel 2017 ha collaborato al laboratorio di formazione teatrale permanente tenuto da Ettore Massarese presso il teatro Sancarluccio di Napoli. È co-direttore artistico e protagonista, unitamente alla Ackermann, a Brunello Canessa e a Giuseppe Fontanella, della rassegna “Live in Villa Di Donato”, che dal 2015 si svolge all’interno della omonima prestigiosa cornice partenopea, nel cui ambito sono rappresentati spettacoli di prosa, di Teatro-canzone e di musica. Da protagonista, si impegna con il suo gruppo musicale in spettacoli come …e Berta filava, spettacolo contro la violenza di genere incentrato sulla donna e sul suo ruolo in società rappresentato al Social Tennis Club di Cava de’ Tirreni, e come Secondo me la donna…, spettacolo per le donne messo in scena al Teatro Genovesi di Salerno in occasione della giornata internazionale a loro dedicata. Ha dato corpo a una suggestiva e mistica interpretazione de La buona novella del cantautore Fabrizio De André. Rappresentazione ambiziosa è stata Serata per G, omaggio e tributo al grande autore e compositore Giorgio Gaber, dove si è proposto in veste di cantante, attore e regista, calandosi appieno attraverso la recitazione di significativi monologhi nelle sfumature della tematica gaberiana in uno spettacolo messo in scena nelle scuole, in numerosi circoli culturali campani, nonché con notevole successo Al Blu di Prussia, a Villa Di Donato e presso la Fondazione Pietà de’ Turchini. Con Gianni Mauro ha dato vita a una brillante serata, dedicata al cantautore Rino Gaetanoe intitolata Mio fratello è figlio unico. Ha diretto e interpretato lo spettacolo di Teatro-canzone Il cappellaio magico con monologhi scritti da lui e canzoni di Rino Gaetano, con cui, sotto il patrocinio del MIBACT, della Regione Campania e del Comune di Salerno, ha aperto la stagione 2016/17 del Teatro delle Arti di Salerno. Successivamente questo spettacolo ha partecipato alla quinta edizione del “Premio Li Curti” ed è stato inserito nel cartellone 2017/18 del Nuovo Teatro Sancarluccio di Napoli. Inoltre, è andato in scena al Teatro San Carlo di Napoli, laddove per la prima volta il prestigioso teatro partenopeo ha promosso una forma innovativa di sperimentazione laboratoriale al fine di avvicinare il pubblico giovane alla musica lirica attraverso un parallelismo con il Rigoletto di Giuseppe Verdi. Ha ideato e interpretato Monologando, recital emozionale da Shakespeare a Pirandello passando per Gaber fino ad arrivare a Modugno e ai Baustelle. Suo singolo e video, uscito a giugno, è “Indie e De Gregori”, estratto dall’album e dall’omonimo spettacolo “Nichilismi e Fashion Week”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...