Piccoli inconvenienti prima della felicità

La sua narrazione pare procedere su piani temporali alternati cosicché lei desume la possibilità di rivivere differenti periodi della storia italiana. La Prima Guerra Mondiale, i dissidi di un secolo feroce, gli orrori e le attese delle notizie dal fronte, le gioie dei figli e i dolori delle grandi perdite.
Quale interesse ha perseguito nel rispolverare eventi sociali, politici ed economici?

Volevo scrivere un libro in cui si intersecasse la macro Storia, quella di cui si scrive nei libri e che tutti studiano con quella quotidiana, quella che ha minori echi universali, ma che in fondo riguarda ognuno di noi. Mi interessava scoprire in che modo si agisce e si reagisce di fronte agli eventi imprevedibili che toccano tutti e come il tempo possa essere un fattore ‘a favore’ e non sempre ‘contro’ la ricerca della felicità.
Il percorso della protagonista si dipana anche a ritroso nel tempo; si serve di ricordi ingialliti e via via emergenti. “La memoria va e viene, non posso rimandare, mi devo sbrigare finché ricordo, come mi chiamo, come si chiamavano mio padre e mia madre, com’era mio marito e quello che diceva, finché ancora riconosco le mie figlie e le chiamo per nome, anche se a volte le confondo, finché posso raccontare chi era e cosa ho fatto”
Quale valore attribuisce all’elemento della “memoria”? Si possono davvero chiudere i conti con il passato?

Credo che nessun passo in avanti possa avere valenza di esplorazione, di crescita, di maturazione senza il solido supporto della memoria. Alla domanda ‘chi siamo?’ è impossibile rispondere senza fare riferimento ai tasselli che abbiamo incastrato nel tempo e che ci hanno reso ciò che siamo. Ciò che potremo diventare dipenderà moltissimo da quello che siamo stati: la consapevolezza del passato è lo sprone più forte per decidere cosa vogliamo essere.
“Piccoli inconvenienti prima della felicità” tratteggia delicatamente piccole increspature dell’anima.
Le crepe possono essere foriere di benefici interiori, quantunque le ferite?

Rispondo, citando un passo del mio libro: ‘Le cicatrici ci ricordano che siamo ancora vivi, anche quando il dolore ci ha tolto la voglia di esserlo’. L’anima s’increspa come la superficie del mare in tempesta e tra le pieghe schiumose emergono barlumi d’argento che assomigliano alla speranza.
Sfogliando le pagine del romanzo che ha redatto, appare evidente che lo sviluppo abbia richiesto ricerche storiche accurate e meticolose. Quale metodo si è imposto di adottare per trattenere le informazioni e, poi, renderle narrativa?
Le mie ricerche sono state fatte nel più stretto rispetto degli eventi storici realmente accaduti affinché nel quadro generale si inserisse scorrevolmente la cornice che racchiude la storia di Titina, la protagonista.
Attraverso Titina, la protagonista, lei getta luce sulle ombre della condizione femminile. Pioniera delle pari opportunità in una società maschilista e profondamente conservatrice.
Ha pensato ad un “femminismo” ante litteram?

Titina è una femminista senza avere coscienza di esserlo. La scuola, lo studio, l’apprendimento, la scoperta sono fonte di interesse e curiosità senza fine. Ama tutto ciò che può soddisfare la sua sete di conoscenza perché è solo attraverso la conoscenza che si può progredire sul percorso della consapevolezza di sé, del mondo circostante e di se stessi nella storia.

Luciana De Palma

Ha pubblicato le raccolte di poesia “La candela rossa”, edita dalla casa editrice indiana IICCA, in italiano e testo inglese a fronte, “Risacche” (Secop edizioni) tradotta in serbo, “Sassi e comete” (edito da Lineeinfinite). Ha pubblicato due romanzi: “Il melograno” per Città del Sole edizioni e “Il mulino blu” (Florestano edizioni). “Piccoli inconvenienti prima della felicità” è il suo terzo romanzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...