Terra di Trabocchi, piccolo itinerario emozionale lungo la Costa dei Trabocchi

Da dove scaturisce l’interesse per l’architettura dei Trabocchi?

Certamente dall’amore per la mia fragile terra. La zona costiera interessata dai trabocchi ha ancora un carattere selvaggio, gli interventi architettonici umani sono pochi e soprattutto manca la monumentalità tipica delle grandi città d’arte.

I trabocchi sono un’opera ingegnosa dell’uomo che, senza pretesa di sontuosità, raccontano un passato, hanno un’anima leggera, sono testimoni delicati di un’età in cui il mare era fonte di nutrimento ma anche di pericolo.

“Terra di Trabocchi, piccolo itinerario emozionale lungo la Costa dei Trabocchi” è la narrazione di un viaggio. Può costituire oggetto di riflessione il viaggio intimo, giustappunto “emozionale”, laddove la realtà tecnologica in cui siamo immersi ci impone di non passare inosservati, puntando proprio sul dato noto e visibile?

La lettura di un libro è sempre un intimo viaggio tra le emozioni suscitate dallo stesso. Non è chiamata a sostituire, comunque, il viaggio vero. In questo caso piuttosto è uno stimolo a ripercorrere la mia stessa strada, non solo emotiva ma anche materialmente percorsa: mi piace l’idea che chi legge le mie piccole narrazioni e guarda le mie foto, dopo aver intimamente sentito il mio “viaggio”, vada a conoscere i luoghi in cui ambiento le mie riflessioni e viva entrambi direttamente, tanto da poterli raccontare e diffondere anche attraverso l’uso dei social.

Questo è un testo corale e pluriforme: poesia, narrazione, fotografia. C’è un simbolo che funga da nodo di raccordo?

Il mare. Ma è piu di un simbolo, è la colonna sonora che accompagna tutti i testi nonché le foto, una presenza costante, mare vivo negli sguardi e nell’animo dei vari piccoli protagonisti: un mare di tutti, dal ciclista al pensionato, presente nei ricordi di chi lo ha lasciato, non sempre benevolo, sempre potente.

Il suo homo viaticor ha uno sguardo delicatamente carezzevole, accoratamente umile, soavemente poetico, fortemente empatico ancorchè mai profanatore dei luoghi e delle genti. In quale accezione possiamo declinare il suo uso del termine “viaggio”?

Il viaggio tra gli animi di cui racconto è sempre un volo leggero, mai direttamente giudicante, uno sguardo benevolmente distaccato: il mio è un viaggio senza limiti né spaziali, né temporali, cosa che solo la scrittura può rendere. Le rotte, così come la destinazione finale, sono stabilite seguendo le mie esigenze di narrare storie comuni, senza nulla di davvero eclatante o epico, ma che comunque assumono un respiro universale.

Lei narra “di un passato fatto di ingegno e sfida, coraggio e destrezza, emblema della caparbia forza della mia gente”. Quali riflessioni può offrirci rispetto anche alla scoperta di un passato indissolubilmente congiunto al presente?

Cosa sia rimasto di questo passato è difficile da stabilire. La globalizzazione ha sepolto parte dell’unicità del patrimonio culturale autoctono. Tuttavia spero che la valorizzazione di un territorio che ancora sa raccontare storie di coraggio (i trabocchi lo sono) possa dare nuovo slancio alle generazioni future; in un progetto di apertura all’ospitalità, proporre cammini emozionali, quanto reali, sia nell’entroterra che sulla costa, può rappresentare un valido modo per continuare a custodire ed arricchire le nostre terre. Prima si costruivano trabocchi o mulini per sostentamento, adesso possiamo usare la stessa tenacia per “costruire” accoglienza per i viaggiatori che vorranno scoprire la bellezza ancora indomita della nostra regione.

Sofia Del Borrello è nata e vive sulla costa adriatica, in un meraviglioso angolo di Abruzzo. Innamorata della natura, della corsa e della fotografia, appassionata frequentatrice di letterature, da sempre narra e scrive storie. Alcune sue immagini e riflessioni si trovano sul suo profilo instagram (nuvole_di_parole). “Diario di una voce” è il suo primo romanzo, seguito da “Interni”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...